ARENA

In un’arena simile a quella nella quale si scannavano i gladiatori, ma in un futuro che ha consentito di costruirla tra le stelle, combattenti di tutte le galassie si contendono il titolo di campione intergalattico di boxe.

Link Imdb I Link Youtube
Lingua: 

Titolo originale: Arena
Anno: 1989 I Paese: U.S.A.
Regia: Peter Manoogian
Attori:   Paul SatterfieldHamilton CampClaudia Christian
 

Arena è un piccolo cult di fine anni ’80 quando il genere fanta-horror era al suo massimo splendore e gli effetti speciali dominavano la trama assoggettandola a dimostrazioni spettacolari di artigianato. Questa lettura sicuramente di parte e di sapore nostalgico vi fa capire l’ orientamento a cui sono più propenso nel valutare le pellicola, un felice salto nel passato. Questo film nasce dalla factory romana di Charles Band (in questo film ufficialmente in veste di produttore esecutivo) e della sua Empire Pictures, infatti come ci svelano i titoli di coda abbiamo qui un cast totalmente composto da attori americani ma buona parte del comparto tecnico è affidato alla maestranza nostrana. Il regista Peter Manoogian si sarà divertito parecchio nel girare questa pellicola e il modo giocoso in cui è diretta riesce a dare un respiro fresco e divertente nonostante per noi del post 2000 alcuni schemi narrativi sono ormai triti e ritriti come il combattimento finale in puro stile Karate Kid (ce la fa? non ce la fa? gli altri sono più scorretti ma lui ce la deve fare lo stesso!). E’ chiaro comunque che questo film si apprezza soprattuto per le scenografie ben allestite e fotografate (l’ intero film si svolge in interni praticamente) e i costumi veramente singolari (tanti scopiazzati da Guerre Stellari), per non parlare degli splendidi mostri e creature aliene di plasticazza che personalmente adoro. La colonna sonora è molto “adatta” al quadro generale e a metà del film veniamo sorpresi da una bellissima canzone intitolata “I Love the Barbarian” cantata dall’ attrice Shari Shattuck. Come curiosità in appendice vi svelo che alcuni dei protagonisti del film sono poi finiti sparsi in navicelle spaziali di celluloide come Marc Alaimo che finirà in Star Trek: The Next Generation Claudia Christian in Babylon 5 Armin Shimerman (truccato qui da uomo-faina) in Star Trek: Deep Space Nine.

Scritto da: Il Guardiano dello Zoo