LA CASA SULLA COLLINA DI PAGLIA

Lo scrittore Paul Martin (Udo Kier) si trasferisce in una isolata casa nella campagna inglese per trovare l’ispirazione giusta che gli consenta di terminare il suo nuovo romanzo. Per essergli d’aiuto, il suo agente ha assunto la segretaria Linda (Linda Hayden). Tuttavia, il gesto si rivela un grave errore.

Link Imdb I Link Youtube
Lingua: 

Titolo originale: Exposé
Anno: 1976 I Paese: U.K.
Regia: James Kenelm Clarke
Attori:  Udo KierLinda HaydenFiona Richmond 
 

Recensire questa pellicola è certamente un lavoro molto complesso. Si perchè questo film è un film fatto di sottili linee, intrecci di sguardi, inquadrature, oggetti, luci e shock. Come questa recensione deve essere se non voglio spoilerare il finale parlando di questo titolo. La parola d’ordine quindi è equilibrio. Come un funambolo James Kenelm Clarke scrive e dirige (e si vede che dirige qualcosa che ha scritto lui) un giallo anomalo che porta i nostri occhi ad ammirare le tranquille e rilassanti distese dorate della campagna inglese, per poi prenderci il bavero del vestito e costringerci a vedere tratti di violenza inaspettata, o addirittura sequenze dove la violenza è annunciata ma poi non arriva. Attenzione, Il disegno è non è una ragnatela complessa e machiavellica, bensì una tela nascosta che ci verrà rivelata solo nel finale. Tutto lo sforzo narrativo è reso convincente grazie all’interpretazione dei due protagonisti: Udo Kier Linda Hayden. Kier è calato profondamente nella parte. Sembra che interpreti sè stesso con quella faccia da pazzo depresso. La Hayden è fenomenale nell’esprimere un erotismo prorompente che risulta spesso dissestante nel nostro tentativo di capire il personaggio che interpreta. La strana ed enigmatica Linda è senz’altro la vera protagonista del film. L’isolamento fisico dei due personaggi, nella casetta lontano dalla città. fa il resto. A proposito di questo tipo di “atomosfera” non nascondo che questo film mi ha fatto ricordare Cane di Paglia di Sam Peckinpah (guardacaso ci sono similitudini nei titoli). Sono sicuro che molti saranno d’accordo con me su questo punto. Concludo ricordando che La Casa sulla Collina di Paglia è l’unico titolo britannico inserito nella famosa lista dei Video Nasties, ovvero una lista di film colpiti pesantemente dalla censura inglese. Guardate questo film al chiuso magari con tempo ventoso e pioggia battente, accompagnate con vino rosso sangue.

Scritto da Il Guardiano dello Zoo

Grazie a: Super TV 80


Altri film che ti potrebbero interessare: