LA NOTTE DEI PIPISTRELLI

Trama:Il dottor Paul Carruthers (Bela Lugosi) è un chimico specializzato in cosmetica, anni addietro rifiutò di entrare nella società per cui lavora in cambio di soldi contanti mentre gli altri decisero di investire il loro denaro nella ditta di cosmetici. La fortuna gli voltò le spalle perché la società guadagnò cifre inimmaginabili mentre a lui non andò nulla oltre i soldi che si era preso in partenza. Il dr. Carruthers è così costretto a produrre le soluzioni chimiche che poi andranno a finire sul mercato ad arricchire gli odiati ex soci. E’ chiaro che questo gli procura un grande senso di frustrazione che scaturisce in un piano diabolico con il fine di  perpetrare la sua vendetta ai danni delle famiglie che lui considera “nemiche”.

CLICCA SUL VIDEO PER GUARARE IL FILM COMPLETO

Titolo originale: The Devil Bat
Lingua:
Anno: 1940
Paese: U.S.A
Regia: Jean Yarbrough

VOTO: 6 / 10
VOTO TRASH: 7 / 10

conosciuto anche come Notti di Terrore

Recensione:
Siamo ad una fase stagnante (per non dire di vero e proprio delcino) della carriera di Bela Lugosi, è infatti ormai intrappolato nel ruolo del mad doctor, dopo essersi scrollato quello da conte vampiro. La colpa, detta brutalmente, è da attribuire al suo forte accento di origini unghesresi che piace tanto al pubblico ma che non gli permette di interpretare ruoli con sfaccettature caratteriali più complesse, che richiedono una più ampia espressività linguistica. In questo film, si può vedere chiaramente l’inizio della fine del povero Bela, con l’imitazione della scena del suo Dracula del 1931 da parte di un pipistrellazzo di plastica (della serie “vedi? lo saprebbe fare anche un pupazzo”), davvero immeritata. E che dire delle motivazioni che spingono il dottor Paul Carruthers a vendicarsi? Sembra una specie di presa in giro ai danni di Bela la cui sfiga pazzesca fù rifiutarsi di interpretare la parte del mostro nel film Frankenstein, se ne dovette pentire tutta la vita, proprio come il personaggio che interpreta in questo film, Carruthers. Insomma un film davvero impietoso per Bela. Tutta questa lunga introduzione rappresenta l’ affetto che provo per l’ attore di origini ungheresi, ma ora passiamo al film in sè e per sè. Prima della visione,  aspettatevi un classico b-movie con scienziato pazzo che manovra qualcosa che commette delitti al posto suo, tra lo sci-fi più low budget e l’horror più acqua e sapone (tra l’ altro non vi viene in mente Il Vampiro del Pianeta Rosso?). Gli anni ’40 infatti decretano la fine dell’ horror più classico che ha fatto il successo della Universal Pictures e si cominciano a vedere questi inserti umoristici nelle pellicole di paura, qui rappresentati principalmente dalle cazzate che dice il giornalista più scrauso, la spalla dell’eroe. Comunque un film che scorre bene nonostante abbia una sceneggiatura molto ripetitiva e la sua età la fa sentire parecchio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *