DANGAN RUNNER

Yasuda (Tomorowo Taguchi) è un classico omino patetico giapponese che non fa che scusarsi per ogni cosa, e che dentro alla sua crisi esistenziale, si comporta goffamente e continua a chiedere scusa a tutti. Un particolare giorno sfortunato Yasuda perde sia lavoro che fidanzata. Pensa così di vendicarsi acquistando una pistola e progettando un crimine. Al momento del colpo si rende conto di aver dimenticato la mascherina per coprirsi il viso e quindi si reca in un market con l’ intenzione di rubarne una. In quel momento Aizawa, commesso del market, lo sgama e comincia così l’ inseguimento. Rewind. Aizawa (Daiamondo Yukai cantante del gruppo rock Red Warriors) è un cantante rock dipendente dall’ eroina, e proprio quel giorno fottuto in cui le cose non vanno per niente bene, uno stronzo cerca di rubargli una confezione di mascherine dagli scaffali del market in cui lavora. Deve prenderlo per forza. Questo film comincia in questo mood e non si arresta fino all’ultimo secondo. Conosceremo anche Takeda (Shin’ichi Tsutsumi) che si aggiungerà alla corsa, un giovane yakuza che si colpevolizza per la morte del proprio boss,

Link Imdb I Link Youtube
Lingua:Lingua:  SUB

Titolo originale: Dangan Ranna
Anno: 1996 I Paese: Giappone
RegiaSABU
Attori:  Tomorô TaguchiDiamond YukaiShin’ichi Tsutsumi
 

Se fosse un film occidentale partirebbe in questo modo e finirebbe in maniera del tutto lineare. Tuttavia signori e signore qui ci troviamo davanti alla creatività di una mente nipponica come quella dell’eclettico regista SABU (pseudonimo dell’attore / regista Hiroyuki Tanaka), che guida perfettamente il film con una linearità per certi versi “tarantiniana” nella forma (la mania per i flashback) e poi vira bruscamente tutto quanto in un’esplorazione visionaria di tutto quello che succede all’interno della corsa, dentro la mente dei corridori, fuori dai corridori, attorno ai corridori, fino alla conclusione karmica, degna di un vero regista pulp. L’esordio del regista non poteva essere più potente e dinamico, consegnandogli una buonissima sorte per le pellicole a venire di cui consiglio caldamente la visione (cercatele sul sito). Nota particolare va al cast di tutto rispetto con il bravissimo Shin’ichi Tsutsumi che ora come ora è l’ Al Pacino giapponese e il sempre verde  Tomorô Taguchi (do you remember Tetsuo: Iron Man?)

Scritto da Il Guardiano dello Zoo.


Altri film che ti potrebbero interessare: