HUNTING LIST

Chu Chi Kit ritorna a Hong Kong da Taiwan dopo molti anni in clandestinità, riprende immediatamente il suo rapporto con la vecchia fiamma May e si ricongiunge al suo vecchio amico Cramp in un’operazione di droga. Ma i tempi sono diversi, e il loro grande capo Ray ora si preoccupa più di affari che di lealtà.

Link Imdb I Link Mega
Lingua:  SUB

Titolo originale: Tao se zhui qi sha
Anno: 1994 I Paese: Hong Kong
Regia: Yen-Ping Chu
Attori: Ray LuiShu-Fang LuVivian Hsu
 

Come i grandi film di malavita, quelli che ti lasciano qualcosa dentro, quelli che ti fanno provare forti emozioni, troviamo in Hunting List una bella storia di amicizia piena di conflitti. L’amicizia fraterna, la fratellanza, il sodalizio basato sulla fiducia che è la base di ogni organizzazione criminale, poichè solitamente non è regolamentata per iscritto e non vi è un vero e proprio corpo di polizia, ma ognuno deve badare a sè stesso senza sgarrare con gli altri. Questo film parla di un gruppo di 4 persone che si sono giurati fedeltà l’uno con l’altro perchè piccoli criminali indifesi. Una volta cresciuti c’è chi viene accecato dal potere economico o chi dalla smania di comandare. Come nella migliore tradizione di Hong Kong questo scurissimo crime si condisce di molti sotto-drammi come la malattia di un bambino, storie d’amori strazianti e familiari da proteggere. Tuttavia la vera tematica, come già detto, è la solidità dell’amicizia e il suo tradimento. La visione è godibile e non ci sono mai tempi morti, le sparatorie sono molto sanguinarie e i colpi come i morti ammazzati si sprecano con scene anche parecchio forti che possono risultare “gratuite” se non abituati a questo tipo di cinema. Non è sicuramente uno di quei noir honkonghesi anni ’90 basati su notte + pioggia + neon (nonostante la fotografia si mantenga su un certo mood nostalgico come la storia dei 4 protagonisti), ma si tratta di un film parecchio scuro anche se girato molto bene, questo si. In più la caratterizzazione dei personaggi è scritta ottimamente, anche quelli secondari. Hunting List è un film inserito nella famosa lista detta Categoria III che rappresenta una vera e propria versione orientale dell’inglese Nasty Movies, ovvero i film che non sono adatti ai minori per la loro deviazione morale o per la loro violenza. Hunting List è un titolo di merda che certamente non da nessuna idea del film in quanto il primo pensiero che trasmette al cervello è che si avrebbe a che fare con una storia di vendetta alla Lady Snowblood / Kill Bill ma non è assolutamente così. E’ in realtà come già spiegato all’inizio della recensione. Su imdb c’è scritto che il plot è ispirato all’americano Stato di Grazia del 1990. Io per certi versi ci trovo anche degli elementi fondamentali di Okinawa Yakuza Wars, ma sarò io che sono fissato. Sicuramente.

Scritto da Il Guardiano dello Zoo


Altri film che ti potrebbero interessare:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *