LO SCONOSCIUTO

Alonzo (Lon Chaney) è un criminale ricercato dalla polizia, la sua mano sinistra ha due pollici e questo lo rende facilmente riconoscibile. Per sfuggire all’arresto si aggrega ad un circo fasciandosi tutte e due le braccia dietro la schiena e spacciandosi come attrazione circense, usando i piedi per lanciare coltelli o fumare sigarette. Alonzo si innamora follemente di Nanon (Joan Crawford) la figlia del proprietario del circo che ha una forte fobia per le mani degli uomini, la quale respinge Malabor, l’ uomo forzuto poichè piuttosto espansivo con le. Il padre di Nanon scopre il segreto di Alonzo, che è costretto ad ucciderlo per non essere scoperto, ma Nanon assiste alla scena anche se tutto ciò che riesce a vedere è un uomo con due pollici che uccide suo padre. Smantellata la compagnia circense ecco che Alonzo e Nanon vanno a vivere in un appartamento assieme al nano Cojo, che mette al bivio il criminale innamorato avvertendolo che prima o poi anche la ragazza scoprirà il suo segreto. Preso da una lucida follia, Alonzo si reca da un chirurgo, vecchia conoscenza del malaffare, e lo ricatta ottenendo così un’ operazione chirurgica gratuita. Ebbene si: Alonzo si fa amputare ambedue le braccia per poter convivere con la fobia di Nanon, che però sembra cedere sempre di più alle lusinghe di Malabor, l’ uomo forzuto…

Link Imdb I Link Mega
Lingua: [intertitoli] SUB

Titolo originale: The Unknown
Anno: 1920 I Paese: U.S.A.
Regia: Tod Browning
Attori: Lon ChaneyNorman KerryJoan Crawford


Siamo all’apice della collaborazione tra il regista visionario Tod Browing e l’attore dall’incredibile talento drammatico Lon Chaney, un sodalizio che oserei dire perfetto perchè è Chaney l’ uomo adatto ad interpretare magistralmente l’inquietudine e il malessere intrinseco nelle pellicole di Browning, nonostante ahimè Chaney manchi nel suo più grande capolavoro Freaks (che ora è famoso, ma allora fu un flop che distrusse la carriera di Browning), e nel suo più grande successo Dracula. Ma torniamo a Lo Sconosciuto: ecco che troviamo il tema del circo tanto caro a Browning (a 16 anni infatti aveva abbandonato il nido familiare per seguire una compagnia circense e interpretare vari ruoli all’ interno degli spettacoli), e che ritroveremo ovviamente nel film Freaks, con il quale questa pellicola ha molto in comune, a partire dal profondo tema del disagio del diverso, al tema dell’ amore mai possibile perchè “in difetto” verso qualcuno normale, e qui come in Freaks addirittura il normale è super, è l’ uomo forzuto. Questo film però è più intimista, come tutti i film di Chaney risulta alla fine inevitabile che egli catalizzi tutto il pathos e la storia su di sè e sulla sua enorme espressività, qui raggiunta a livelli massimi, soprattutto quando si accorge di essersi tagliato le braccia per niente e che non potrà mai avere l’ amore di Nanon, una scena veramente da far venire la pelle d’ oca. Consiglio questo piccolo capolavoro a tutti quelli che seguono il blog, non ve ne pentirete. Curiosità: Burt Lancaster ha dichiarato che l’ interpretazione di Lon Chaney del personaggio di Alonzo sia stata quella più toccante che abbia mai visto in vita sua. Joan Crawford (la protagonista femminile) ha dichiarato che di aver imparato di più recitando con Chaney in questo film che in tutta la sua lunga carriera. I piedi “tuttofare” del personaggio di Alonzo sono del lanciatore di coltelli senza braccia Paul Desmuke.

Scritto da Il Guardiano dello Zoo


Altri film che ti potrebbero interessare: