L’AMANTE TUTTA DA SCOPRIRE

Bombolo e Enzo Cannavale fanno 13 al totocalcio e vincono una barca di soldi. Peccato che Bombolo si sia fatto derubare (portafogli + schedina compresi) da una coppia di ladruncoli da strapazzo che stanno per fare il salto di qualità partecipando ad una truffa ai danni di un farfallone, marito di una miliardaria. Intanto Bombolo e Enzo Cannavale cercano di recuperare la schedina senza farsi mancare equivoci e situazioni imbarazzanti.

Link Imdb I Link Youtube
Lingua: 

Titolo originale: L’Amante tutta da scoprire
Anno: 1981 I Paese: Italia, Spagna
RegiaGiuliano Carnimeo
Attori: Nadia CassiniEnzo CannavaleBomboloRenzo Montagnani
 

Spesso e volentieri quando scrivo una recensione parto sempre dal titolo del film. Spesso mi capita di lamentarmi degli assurdi titoli che la distribuzione italiana affibbia ai prodotti esteri per renderli più appetibili al mercato italiano. Ma questa volta abbiamo a che fare con un prodotto italico dal titolo  L’Amante Tutta da Scoprire. Nulla di male no? Ebbene dopo aver visto il film, e dopo aver notato che i dialoghi sono un mantra di parolacce e doppi sensi non-stop, non faccio fatica a pensare che quel “scoprire” non sia altro che una simpatica, voluta, assonanza di “scopare”. Troppo complottismo? Sarà, ma dopo essermi sparato una infinita serie di “li mortacci tua!” , “chemmefregammè”, “a stronzo” e compagnia bella mi sento veramente ubriaco (!!!). Questo simpatico filmetto dalla trama totalmente trascurabile l’ho recuperato raschiando intenzionalmente dal fondo del grande barile della commedia sexy all’italiana dove al top ci stanno i vari Banfi e Boldi. Questo film invece, è così povero e di serie zeta che i protagonisti non sono altro che le solite spalle, ovvero Bombolo e Enzo Cannavale. Anche Nadia Cassini non è nè Edwige Fenech, nè Gloria Guida ma possiamo dire che la sua “porca figura” la fa tutta, in tutti i sensi. Comunque vi voglio rassicurare perchè della Cassini  si vedono primi piani molto accurati del deretano, in più occasioni. Altro pollo ruspante del cast è Renzo Montagnani che vediamo spesso introdotto preceduto da un bel “con la partecipazione di” un po’ come dire “questo viene a farci un favore”. Ed è proprio Montagnani che spicca su tutti con i suoi tempi comici fulminei e quella faccia da signore per bene e padre di famiglia sempre arrapato a mille, la sua presenza e la sua recitazioni sono veramente mi-ci-dia-li! Bombolo e  Cannavale sono un vero spettacolo e ci garantiscono una serie di gag nonstop che sfiorano il surrealismo stabilizzandosi sulla demenza galoppante. Essendo una coproduzione italo-spagnola abbiamo anche due attori di origini spagnole, María Luisa San José e Yorgo Voyagis, totalmente adombrati dal cast italiano di cui ho appena tessuto le lodi. Non mi sorprende affatto leggere Giuliano Carnimeo alla regia. Carnimeo infatti, oltre al western e i due capolavori del trash come il post apocalittico Il giustiziere della strada e l’horror grottesco Quella villa in fondo al parco, è un vero porta bandiera del trash italico e dovrebbe essere ricordato maggiormente. Sembra facile fare film di merda ma sfornare capolavori del brutto, quasi lisergici, come I Carabimatti o Pierino medico della SAUB non è da tutti. Insomma, per concludere guardate questo film con spirito che più goliardico non si può, dopo la visione i film su Pierino con Alvaro Vitali vi sembreranno la messa della Domenica. Fate conto che durante i primissimi minuti del film vediamo Bombolo che, mentre guarda il culo della Cassini, inciampa e piazza una bella manata su una merda.

Scritto da Il Guardiano dello Zoo


Altri film che ti potrebbero interessare:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *