IL VENTO DELL’AMNESIA

La storia è ambientata in un futuro prossimo, dove la tecnologia ha fatto enormi progressi e i mali che hanno da sempre afflitto il mondo sembrano ormai superati. Improvvisamente però sulla Terra comincia a soffiare uno strano vento, che ha l’effetto di cancellare ogni ricordo da tutti gli esseri umani, facendoli regredire allo stato primitivo. Gli uomini sono circondati da macchine meravigliose che però non sono più in grado di far funzionare e non sono neppure in grado di comunicare tra loro perché hanno dimenticato anche il linguaggio.

Link Imdb I Link Youtube
Lingua: 

Titolo originale: Kaze no na wa amunejia
Anno: 1990 I Paese: Giappone
Regia: Kazuo Yamazaki
Attori:Kazuki YaoKeiko TodaKappei Yamaguchi
 


Il Vento dell’Amnesia
è un film animato prodotto dal famoso studio Madhouse nel 1990 e ispirato al romanzo “Kaze no namae wa amunejia” di Hideyuki Kikuchi. In questa recensione pillola non posso esimermi di prendere in considerazioni l’aspetto basilare di questo film di cui conserverò sempre il piacevole ricordo. Il tema filosofico di “dove stiamo andando” è stato esaminato nelle più disparate salse dall’animazione giapponese. Spesso e volentieri è stato un po’ troppo spettacolarizzato inserendovi robottoni da un lato e demoniacci dall’altro. Tutte cose che fanno rimanere a bocca aperta ma che fanno ragionare poco il cervello. Questo film invece, con una semplice e giusta idea riesce ad allacciare un rapporto di mutuo rispetto con il proprio spettatore senza dare per scontato che egli debba molto probabilmente essere un 15enne arrapato con la passione dei modellini. Ci ho trovato delle similitudini a Galaxy Express 999 come impostazione strutturale e come archetipo di duo viaggiante. Non a caso la donna bella e longilinea, non solo ricorda Maetel (Maisha nella versione italiana) ma ha anche la sua voce grazie alla doppiatrice Cinzia de Carolis. Ve lo consiglio caldamente.

Scritto da Il Guardiano dello Zoo

 


Altri film che ti potrebbero interessare: