MEATBALL MACHINE

Un ragazzo e una ragazza trovano uno strano oggetto che si scaglia contro lei e la ferisce. Ad un certo punto arriva una sorta di cyber-mutante che aggredisce la coppia. Anche la ragazza diventa un cyber-mutante e il ragazzo di trova solo, quando incontra uno scienziato molto strano che gli spiega qualcosa al limite dell’incredibile.

Link Imdb I Link Mega
Link subs Mega
Lingua:  SUB 
Sottotitoli a cura di Cinema Zoo

Titolo originale:  Meatball Machine
Anno: 1999 I Paese: Giappone
Regia:  Jun’ichi Yamamoto
Attori: Toshihisa WatanabeAkiko SasakiRino Sôma
 

Se vale la regola che per un Tetsuo: The Iron Man c’è sempre un The Phantom of Regula Size (Fantasmi di media dimensione) allora anche per Meatball Machine del 2005 il regista Jun’ichi Yamamoto ha realizzato un cortometraggio sperimentale a livello di “prova” che ha poco da invidiare col suo successore più celebre. Non ci si può esimere dal confronto con le due opere tsukamotiane (si si io lo posso dire) soprattutto per il livello di qualità dei due tentativi sperimentali entrambi riuscitissimi. Sintetici, dinamici, sprezzanti, col botto. La sequenza iniziale è un qualcosa di stupendo e sembra di essere con la mente dentro ad un vero e proprio manga dal vivo. Ogni inquadratura è una vignetta con dialoghi che ci entrano nelle orecchie anzichè negli occhi. Quello che conta è il cervello. Ed è questo organo che viene stimolato come se fosse cocaina filmica da questo non-stop serratissimo di musica-azioni-emozioni molto semplici e dirette, quasi come un lungo videoclip musicale. Un corto che non ha nulla di meno del suo papà più maturo e per certi versi rimane più apprezzabile del semi-demenziale Meatball Machine: Kodoku del 2017 e del totalmente demenziale Meatball Machine: Reject of Death del 2007.

Scritto da Il Guardiano dello Zoo


Altri film che ti potrebbero interessare: