BODYGUARD KIBA

Trama: Junpei, l’ autista di una gang yakuza, lasciato casualmente solo con in macchina un pacco di soldi, decide di tenerseli e di raccontare una balla ai capi della gang. Dopo una colluttazione nell’ ufficio del clan, il guappo finisce in galera per 5 anni, non prima di aver promesso alla sua fidanzata che egli sarebbe ritornato a cercarla e le avrebbe finalmente regalato una vita migliore. Trascorsi i 5 anni la guardia del corpo Kiba deve scortarlo dalla prigione a Okinawa (la città che ospita la vicenda) dove Junpei comincia a cercare disperatamente la sua fidanzata, maaaa… Ma le cose purtroppo sono molto più complicate di quello che lui si aspetta!

CLICCA SUL VIDEO PER GUARDARE IL FILM COMPLETO

Titolo originale: Bodigaado Kiba
Lingua:  SUB 
Anno: 1993
Paese: Giappone
Regia: Takashi Miike

Recensione:
Chi è Kiba la guardia del corpo? E’ un personaggio nato da un manga di Ikki Kajiwara (L’ Uomo Tigre, Rocky Joe) e trasportato su cellulosa da nientepopodimeno che il maestro Takashi Miike, qui ai suoi primi passi da regista. Kiba è un silenzioso e longilineo figuro con la faccia secca e spigolosa. Una specie di City Hunter a cui bisogna togliere però umorismo, procacità sessuale, e la famosa magnum, tant’è che il nostro Kiba la pistola non ce l’ha neanche. Un tronco grezzo con poche emozioni ma molto buon senso (derivato dalla sua profonda conoscenza del karate della scuola Daito). Le sue armi sono il karate e dei coltellini che lancia per disarmare chi ha una pistola in pugno. Evidentemente questa figura così fumettoide e abbozzata ma di grande effetto, accompagnata con sassofono e luci di città, ha conquistato il pubblico nipponico perchè il signor Takashi Miike ha poi girato ben altri due capitoli sul bodyguard slanciato e silente (che quando parla distribuisce unicamente perle di saggezza). Tutta la trilogia è stata prodotta dalla Maki Productions, produttrice di innumerevoli film yakuza e di arti marziali a cui sono legato particolarmente perchè si tratta di film low budget e molto coraggiosi, che riempiono un po’ il vuoto di quegli ultimi anni ’90 e soprattutto inizio 2000 che tutti noi ci portiamo dentro. Hisao Maki (co-autore della sceneggiatura) in persona sempre presente in questi film, è il fondatore della scuola Daito. Se volete Takashi Miike il visionario e il sanguinario qui non trovate quello che cercate, se volete un action movie un po’ yakuza style, un po’ City Hunter style, allora fatevi sotto! P.S. Attenzione a non confondere alcun episodio di questa trilogia con il film del 1973 avente protagonista Sonny Chiba ovvero l’ omonimo Bodyguard Kiba.

Si ringrazia Silvia Kinney Riccò per il suo prezioso contributo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *