MY HEART IS THAT ETERNAL ROSE

Zio Cheung, il padre di Lap, ha lasciato il mondo delle Triadi per aprire un locale sulla spiaggia. Una sera, un suo compare lo trascina in un losco affare, nel quale viene coinvolto anche Rick, innamorato della figlia dell’uomo. Quando le cose vanno male però, Rick è costretto a fuggire nelle Filippine, mentre Lap, per salvare suo padre, è costretta a diventare l’amante del padrino Shen.

Link Imdb I Link Mail.ru
Lingua:  SUB
Sottotitoli a cura di lordevol 

Titolo originale: Sha shou hu die meng
Anno: 1989 I Paese: Hong Kong
Regia: Metin Erksan
Attori: Kenny BeeTony Chiu-Wai LeungJoey Wang
 

Tribolazioni romantiche ed esplosioni di violenza, in un ballo criminale, locato tra Filippine ed Hong Kong. Un lavoro di contrabbando finito male, un clandestino, una bella barista col suo fidanzato e il padre di lei, un fattaccio che presto li travolge nel turbine del crimine. Del 1989, questo semisconosciuto film di Tam, uno dei mentori della new wave di Hong Kong, è un melodramma che si intinge nel noir, finendo per essere cinema popolare e, al contempo levigato, come sostanzialmente accade sempre nel cinema del suo regista. Un prodotto in cui la sinuosa, quasi raffinata, regia di Tam e la bella fotografia di Doyle (collavoratore fidato di Wong Kar Wai, di Van Sant e di Chen Kaige) rendono il tutto di una bellezza plastica e dinamica, elevandone anche l’intreccio drammatico e gli snodi narrativi che comunque, malgrado personaggi interessanti (come il boss Cheung) non sempre è materia esaltante. Il risultato è un ottimo prodotto multiforme, di genere e non soltanto.

Scritto da Il Cinefilmaniaco [IL Cinefilmaniaco]


Altri film che ti potrebbero interessare:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *