ALUCARDA

La storia inizia nell’anno 1865. La madre di Alucarda, prima di morire di parto esprime il desiderio che sua figlia,(Tina Romero), possa crescere e vivere in un convento gestito da suore. All’età 15 anni fa amicizia con un’altra ragazza orfana, Justine, (Susana Kamini). Un giorno rincorrendosi in un bosco vengono fermate da un misterioso zingaro che propone alle due ragazzine l’acquisto di amuleti in grado di allontanare i demoni. Fuggendo spaventatissime dallo strano incontro raggiungono un castello abbandonato.

Link Imdb I Link Mail.ru
Lingua:  SUB 

Titolo originale: Alucarda, la hija de las tinieblas
Anno: 1977 I Paese: Messico
Regia:  Juan López Moctezuma
Attori: Claudio BrookDavid SilvaTina Romero
 

 

Nonostante sia troppo facile anagrammare il titolo facendolo diventare “Dracula”, questo piccolo grande cult del cinema horror messicano non ha niente a che vedere con i Vampiri, almeno per quanto riguarda il plot narrativo, per quanto ispirato alla novella “Carmilla” di Sheridan Le Fanu che, come tutti sappiamo, parla appunto di una vampira.  Nel film diretto da Juan López Moctezuma, già produttore di “El topo” di Alejandro Jodorowsky, Alucarda è un’orfanella diabolica che vive da anni in un convento messicano assieme a delle suore vestite con abiti bianchi macchiati del sangue di continue flagellazioni.Quando la giovine incontra la novizia Justine, il suo influsso diabolico riesce a traviarla. Entrambe diventeranno adepte di Satana grazie a un misterioso zingaro che somiglia ad un satiro. Attraverso un sabba dove le due verranno irretite da un uomo caprone, il demonio si impossessa di loro provocando lo scompiglio nel convento. Monaci e suore da parte loro ci vanno giù pesanti e cercano di esorcizzarle crocifiggendole e infilzandole con un lungo spillone. Justine non regge e muore mentre Alucarda viene tratta in salvo dal dottor Oszek, medico del paese che accusa i chierici di ingnoranza e superstizione. Peccato che Alucarda sia veramente un demonio e dopo aver irretito la figlia cieca del medico, la rapisce e la porta nel convento. Anche Justine risorge dalla tomba e comincia ad ammazzare le suore finchè non la scoprono nuda e immersa in una bara di sangue e la distruggono a colpi di acqua santa. Alucarda lancia fuoco e fiamme contro gli abitanti del convento, citando nomi di demoni e urlando come un’ossessa prima della sua definitiva annientazione.Arricchito da una splendida fotografia di Xavier Cruz e dagli ottimi effetti di Abel Contreras, Alucarda è un misconosciuto capolavoro del cinema horror, debitore del cinema di Jess Franco e Jean Rollin, si pone perfettamente tra il periodo Gotico e quello psichedelico anni settanta, Moctezuma non si risparmia nulla, bagni di sangue, satanismo, possessione, urla, splatter, nudità e lesbismo ma anche una trama coinvolgente e scenografie surrealiste che rimandano al maestro Jodorowsky, (una fra tutte l’altare del convento circondato da migliaia di candele) sopratutto ritrae un’aspra critica al potere ecclesiastico e ai fanatismi religiosi, cosa che per l’epoca e il paese dove è stato girato il film (il cattolicissimo mexico) appare decisamente coraggiosa. Convincente e magnetica la protagonista Tina Romero pur con qualche eccessivo isterismo recitativo, ottimo anche Claudio Brook nel doppio ruolo trasformista del diabolico zingaro e dell’eroico dottore.

Scritto da Il Dottor Satana [Odorama Exploitation Movies]

Grazie a Christian Ciarrocchi


Altri film che ti potrebbero interessare: