A NYMPHOID BARBARIAN IN DINOSAUR HELL

Dopo la terza guerra mondiale la popolazione della terra si riduce all’ osso ed alcuni animali e uomini subiscono mutazioni genetiche a causa della radioattività, queste mutazioni permettono ai dinosauri di ripopolare la terra. Lea (Linda Corwin) è una ragazza costretta a sopravvivere in questa terra selvaggia, vaga senza meta difendendosi da uomini imbarbariti e da dinosauri famelici. A salvarla da un tentativo di stupro sarà Marn (Paul Guzzi), che non riuscirà però a impedire il rapimento della ragazza da parte di una specie di vichingo con tre sgherri mutanti al seguito. Dopo svariate vicende vissute ogniuno per conto suo, la coppia si riunirà alla sinistra rocca del vichingo malefico, luogo della battaglia finale.

Link Imdb I Link Youtube
Lingua:  SUB 
Sottotitoli a a cura di Hywel

Titolo originale: A Nymphoid Barbarian in Dinosaur Hell
Anno: 1990 I Paese: U.S.A.
Regia: Brett Piper
Attori:  Paul GuzziLinda CorwinAlex Pirnie 
 

Con un titolo così non ci si può che aspettare un’ immensa vaccata. Qualcosa di talmente fatto male che non si può che prendere in giro il film dall’ inizio alla fine. E invece no! Certo, è un film estremamente low budget, certo è uno di quei film il cui il cast non supera numericamente le dita di una mano, certo la trama è stretta all’ osso per via della mancanza di soldi. Tuttavia l’ impegno, la dedizione e la pazienza con cui è stato costruito questo film sono assolutamente da apprezzare a mio modesto parere. Fatta questa premessa ecco a voi la trama:  Quello che vince in questa opera sono senz’ altro gli effetti speciali estremamente curati, qualcuno potrebbe storcere il naso vedendo nel 1990 ancora dei dinosauri in plastilina che si muovono in stop-motion ma personalmente l’ effetto vintage che creano mi fa impazzire e quindi ben vengano! Oltre a dei dinosauri insoliti vediamo vermoni che escono dal terreno (tipo quelli di Beetlejuice – Spiritello Porcello), mostri della palude, mostri marini e troll di vario genere. Il commento musicale quasi continuo non è fastidioso e più che altro sopperisce la quasi mancanza di dialoghi. Le ambientazioni sono bellissime, foreste verdi e rigogliose e spiagge spettrali fanno da meravigliosa cornice a questo film distribuito dalla mitica Troma, che merita di essere scoperto. Permettetemi un piccolo spoiler: la protagonista NON E’ AFFATTO UNA NINFOMANE!

Scritto da Il Guardiano dello Zoo

Grazie a: Silvia Kinney Riccò 


Altri film che ti potrebbero interessare:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *