DETECTIVE STORY

Raita Kazama (Kazuya Nakayama) è un detective apparentemente stralunato che si ritrova come vicino uno strano tipo, hacker informatico, che porta il suo stesso nome di battesimo, Raita Takashima (Kurodu Maki). Una notte, una donna allarmata e alla ricerca di informazioni fa visita al detective Raita, che, ancora sotto l’effetto di una eccezionale sbornia, non le presta la dovuta attenzione. Il giorno dopo la donna viene ritrovata morta. E priva di alcuni organi interni. A questo omicidio ne seguono altri, sempre donne e sempre con qualche organo estirpato. Il detective Raita, sebbene abbia già dimostrato nella sua carriera di saper risolvere casi simili, ritiene difficile procedere da solo nell’indagine e pensa di chiedere aiuto all’altro Raita, il suo nuovo, e misterioso, vicino di casa.

Link Imdb I Link Youtube
Lingua:  SUB

Titolo originale: Tantei Monogatari
Anno: 2007 I Paese: Giappone
Regia: Takashi Miike
Attori:  Kai AtôTomoharu HasegawaPâko Hayashiya
 

Thriller investigativo piuttosto convenzionale firmato Takashi Miike, Detective Story è un film che non nasconde le evidenti influenze del cinema occidentale sia nella struttura del genere che nei contenuti (Psyco del 1960, Seven del 1995 e, in particolare, Il silenzio degli innocenti del 1991), costruito su una sceneggiatura che funziona maggiormente nella prima parte, dove non ancora tutti gli elementi sono stati svelati ed è presente un efficace alone di mistero; nella seconda, intuito lo scontato colpo di scena finale, la pellicola procede in maniera più stanca e ripetitiva, per concludersi con una sequenza d’azione che sfiora la farsa. Nonostante i dettagli gore e i crimini efferati (questi ultimi però tenuti sempre fuori campo) ciò che manca è un’atmosfera disturbante o almeno inquietante. Miike sembra però esserne consapevole e, non prendendo troppo sul serio il genere, inserisce qua e là momenti di umorismo e di comicità grottesca (ne sono un esempio la scena in cui la ragazza con cui Raita Takashima è uscito non riesce a trattenere la pipì facendosela tranquillamente addosso, o la “miracolosa” scena finale). Dopo aver ricevuto una limitata distribuzione nelle sale giapponesi è uscito per il mercato home-video. Nel cast si segnala la presenza del leggendario Yuya Uchida nel ruolo del misterioso pittore Yuki Aoyama.

Recensione di Longtake.it


Altri film che ti potrebbero interessare:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *