IL CERVELLO DEL PIANETA AROUS

Trama: Mentre stanno conducendo studi sulla radioattività in un territorio desertico, i due scienziati Steve March e Dean Murphy cadono vittime di una misteriosa entità extraterrestre, Gor, cervello volante privo di corpo, proveniente dal pianeta Arous, che uccide Murphy e si impossessa del corpo di March, trasformandolo in un essere privo di volontà che ubbidisce soltanto ai suoi comandi.

CLICCA SUL VIDEO PER GUARDARE IL FILM COMPLETO

Titolo originale: The Brain From Planet Arous
Lingua:  SUB 
Anno: 1957
Paese: U.S.A.
RegiaNathan Juran (accreditato come Nathan Hertz)

Recensione:
Siamo di fronte ad un normalissimo film di fantascienza americana anni’50. Non dei peggiori anche se , pare , il regista non volle accreditarsi con il suo cognome completo perché se ne vergognava. Effetti “speciali” risibili ( in una sequenza , dove dovrebbe essere presente un’onda d’urto , si vede chiaramente che è l’attore a muovere l’immancabile asta con la bandiera americana!) , una trama senza pretese ; il finale scontato e catartico. Due elementi spiccano : la protagonista è (era) davvero una bella donna e , particolare unico che io sappia , il cervello alieno è un gran porcello ! Eh si , incarnatosi nel protagonista maschile gusta e rigusta il pomiciare con la bella protagonista (data l’età della pellicola non poteva andare oltre il pomiciare) , ed ammette spudoratamente che gli piace e nemmeno lei disdegna il nuovo ardore del fidanzato, anzi. In effetti mi sono sempre domandato perché , nella scifi americana degli anni ‘50 ,questi alieni etichettati come “esseri dall’ intelligenza superiore” , dovessero tutti aver rinunciato al sesso . Due le possibili spiegazioni : se avevano rinunciato ad una pratica tanto piacevole evidentemente non erano così intelligenti ; oppure , spiegazione un po’ cervellotica (!!) , con questo atteggiamento l’ipocrita puritanesimo dell’epoca voleva mettere in campo una subdola campagna anti sesso : se gli esseri superiori non fanno sesso voi che lo fate siete esseri inferiori ; ma siamo nell’ ambito delle teorie cospirazioniste. Comunque , un filmetto senza pretese ma godibile.

Recensione scritta da Evaristo Sberna.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *