LA PAPAYA DEI CARAIBI

Trama: Una multinazionale invia suoi collaboratori, ingegneri e geologi, in un villaggio di Santo Domingo, per costruirvi una centrale nucleare. Gli abitanti del posto, sfrattati ingiustamente dalla loro terra, si fanno aiutare dalla sensuale Papaya, che seduce i collaboratori della multinazionale e li uccide in modo brutale.

Titolo originale: La Papaya dei Caraibi
Lingua:
Anno: 1978
Paese: Italia
Regia: Joe D’Amato

Recensione:
Bravo bravo D’Amato… come al solito bel film nel suo genere. Il regista, Aristide Massaccesi, in arte Joe D’Amato, con questa pellicola ci porta nel suo mondo. Quello dell’horror/porno a tutti gli effetti. Sinceramente io non ritengo horror questo film perchè secondo il mio punto di vista, di horror non ha nulla… ma presenta comunque circa due o tre scene abbastanza crude e sicuramente quella più tosta è la scena iniziale nella quale Papaya a morsi evira un uomo. Gli errori del solito trashoso b-movie ci sono e sono anche tanti… in una scena si può notare un cameraman in fondo allo schermo, gli attori escono dall’acqua o dalla doccia quasi completamente asciutti, poi in un’altra sequenza in cui la ragazza bionda – interpretata Melissa Chimenti – si masturba, si può notare l’ombra di un altro cameraman sulla sua gamba. Segnalo anche il fatto che la Chimenti e Sirpa Lane (l’interprete di Sara la giornalista bionda), restano nude per quasi tutto il film. D’Amato non ci fa mancare neanche il lesbo e la trama infine porta l’amica di Vincent (interpretato da Maurice Poli, che molto tempo dopo rivedremo in Non avere Paura della Zia Marta diretto da Mario Bianchi) a schierarsi dalla parte di quelli del villaggio e il film si conclude in modo spiazzante! Sara farà lo stesso lavoro di Papaya, sempre con la sua collaborazione! Cioè attirerà i collaboratori della multinazionale rimanenti e li porterà al trucidio. Geniale. Ritengo anch’io che sfruttare un paradiso terrestre come Santo Domingo per costruire una centrale nucleare sia una delle peggiori cazzate.

Recensione scritta da Giuseppe Rocca

2 Replies to “LA PAPAYA DEI CARAIBI”

  1. Johne767

    I just like the helpful info you supply on your articles. I will bookmark your blog and take a look at once more here regularly. I’m somewhat sure Ill learn a lot of new stuff right right here! Best of luck for the following! ceagcadbbffg

    Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *