VAMPIRELLA

Trama: Vampirella (Talisa Soto), una vampira sexy in costume attillato, viaggia da Drakulon fino alla Terra per cercare vendetta sul vampiro malvagio che ha ucciso suo padre.

CLICCA SUL VIDEO PER GUARDARE IL FILM COMPLETO

Titolo originale: Vampirella
Lingua:
Anno: 1996
Paese: U.S.A.
Regia: Jim Wynorski

Recensione:
Oggi voglio parlvarvi di un piccolo cult (per me) anni ’90. Il film in questione è ovviamente un lungometraggio, “Vampirella”, del 1996 tratto dal fumetto omonimo, diretto da Jim Wynorski e interpretato da Talisa Soto. Talisa Soto per i pochi che non lo sanno fu quella famosa donzella che interpretò Kitana nel film “Mortal Kombat” (Paul W.S. Anderson, 1995), trasposizione cinematografica del celebre videogioco. Il film che vi propongo oggi è completamente diverso ovviamente, in quanto narra delle avventure della bella Ella, una vampira proveniente dal pianeta Drakulon che per oltre trenta secoli è stata costretta al riposo in un lungo sonno. Il suo obiettivo è comunque rimasto uno solo: vendicare la morte di suo padre, un saggio del pianeta, ucciso in modo disonorevole da Vlad (inutile girarci troppo intorno, sarebbe il più classico Dracula), un vampiro cattivissimo ma anche molto potente. Allora… innanzitutto il tutto è stato girato dal buon Jim Wynorski, un nome che tutti i più grandi fan del cinema di serie b americano e non conosceranno sicuramente, poichè in moltissime (forse anche troppe) occasioni è stato nostro amico o anche nostro nemico. Perchè? Perchè ci ha regalato perle di rara trashagine. Come non citare ad esempio “Not of This Earth” (1988) oppure il suo primo lavoro “The Lost Empire” (1984)? Insomma, Winorsky nel bene e nel male è un veterano del cinema d’exploitation e in quest’occasione ci propina una regia mediocre, superiore sicuramente ad altri suoi lavori, ma nettamente inferiore anche ad altri. La regia è certamente migliore della sceneggiatura, scritta sicuramente da qualche incapace, perchè è davvero debole, non sta in piedi manco per il cazzo e ci sono determinate cose che proprio non hanno una fottuta logica, perchè in un primo momento viene detta una cosa e subito dopo accade tutt’altro (e questo è solo uno dei tanti esempi). In compenso, è un prodotto direct-to-video comunque ben confezionato che regala allo spettatore azione, horror ed anche fantascienza. Per quanto riguarda la fedeltà al fumetto, non posso esprimermi, perchè conoscevo il personaggio già prima e in generale il suo background, ma non ho mai letto il cosiddetto comic book, come dicono i nostri amici americani. Il film si tiene in piedi dunque grazie alle sue meravigliose atmosfere anni ’90 tra luci e nebbie a caso, la stessa affascinante Talisa Soto aka Vampirella nel suo costumino attillato, il fatto che ci propinino la questione “i vampiri in realtà sono extraterrestri” e senza dubbio le botte, senza però neanche dimenticare Adam Van Helsing (si, perchè in ogni film di vampiri deve esserci un membro della generazione dei Van Helsing), interpretato da “son bello ma non so recitare” Richard Joseph Paul. Memorabile invece è l’interpretazione di Roger Daltrey nei panni di Vlad, sia per la squallidità che anche per la performance in alcuni punti. Sempre onore a lui in ogni caso perchè ha composto la musica principale del film, cantata da lui personalmente. Tornando invece al film in generale, è un prodotto che sicuramente non annoia (tensione però non c’è n’è ugualmente), è molto carino e diverte, quindi è certamente da riscoprire, soprattutto per i fan più scanzonati degli anni ’90 che vorrebbero vedere la Kitana del cinema nei panni di una vampira dal costume attillato e “provocante”, aggettivo con il quale, tra l’altro, la stessa Vampirella verrà definita nel film da qualcuno. Solo in questo film sentirete una donna (anche se vampira) rivolgersi ad un uomo così: <>. Ancora qui siete? Che aspettate? Recuperatelo!

scritto da Giuseppe Rocca

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *