DOGS – QUESTO CANE UCCIDE

Trama: Una pacifica cittadina della California viene sconvolta dall’inspiegabile epidemia che sembra colpire tutti i cani domestici, i quali improvvisamente attaccano e sbranano gli esseri umani.

CLICCA SUL VIDEO PER GUARDARE IL FILM COMPLETO

Titolo originale: Dogs
Lingua:
Anno: 1976
Paese: U.S.A.
Regia: Burt Brinckerhoff

Recensione:
Che succederebbe se all’improvviso, tutti i cani domestici a causa di un nuovo feromone iniziassero ad aggredire gli esseri umani muovendosi in branco con un’unica intelligenza (ma molto più sviluppata di quella di un singolo cane) così come le formiche? Ebbene, questo è quello che ci riserva questo film, Dogs! Alla regia intanto, troviamo Burt Brinckerhoff, noto soprattutto per aver lavorato a film per la tv e serie tv. Nulla di eclatante, insomma. È una pellicola parecchio sciatta, composta dalle solite squallide battute, aggressioni di cani, dialoghi sparati a caso e tanto tanto delirio. L’unico degli attori che si cimenta un pò nell’interpretazione, insieme all’allora esordiente Sandra McCabe, è proprio il protagonista David McCallum. C’è da dire anche che il film inizia già con degli incidenti verificatisi, quindi la cosiddetta “epidemia” sui cani domestici è già in atto. Brinckerhoff ci delizia anche con una sfida cinefila con dei bambini, ‘ove scatta l’ennesimo delirio, i cani si ribellano e per poco non ci vanno di mezzo anche i piccoli indifesi. Infine, tra i tanti errori di sceneggiatura e altre porcate varie, come le inquadrature per niente azzeccate e la musica inesistente, arriviamo al disastroso finale… nel quale, il solito liceale obeso è la causa della morte di un intero gruppo di studenti universitari rifugiati in una bibblioteca. In tale film ritroviamo anche la solita indifferenza da parte dei politici, esempio è il governatore che altamente se ne infischia della situazione. Complimenti allo sceneggiatore O’Brian Tomalin che non ha azzeccato nulla di niente e all’attore George Wyner (che interpreta il professore Michael Fitzgerald) che non riesce proprio a recitare. Insomma, dopo tutto questo casino, il film si chiude con Sandra McCabe e David McCallum che viaggiano in auto e sentono alla radio che l’epidemia sta man mano dilagando. Alla fine che cosa c’è? I titoli di coda vengono preceduti dall’inquadratura di… un gatto! Perchè Brinckerhoff, perchè? È chiaro che se pensate di vedere un film horror riguardante gli animali, evitate questo e dirigetevi direttamente in film di tutt’altro stile, come Lo Squalo o Cujo. Ah, a proposito… ho dimenticato le scene delle aggressioni dei cani verso le persone: sono ridicole e demenziali, poichè qualsiasi vittima, anche se morsa solo al braccio o alla gamba muore e poi sul primo piano, presenta ferite ovunque. Va bene!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *