CYCLOPS – IL VAMPIRO

Trama: Il dott. Dr. Lloyd Clayton (George Zucco) elimina il suo gemello malvagio Elwyn (sempre George Zucco), al fine di salvare la cara nipote Gilda (Mary Carlisle). Il dottore non può immaginarsi che suo fratello sia un vampiro pronto a risorgere dalla tomba grazie ai servizi del fedele Zolarr (Dwight Frye).

CLICCA SUL VIDEO PER GUARDARE IL FILM COMPLETO

Titolo originale:  Dead Men Walk
Lingua:
Anno:  1943
Paese: U.S.A.
Regia: Sam Newfield

VOTO: 3 / 10
VOTO TRASH:
 5 / 10

Recensione:
In genere sono molto affezionato al cinema retrò anni ’40 / ’50, quello in bianco e nero delle persone eleganti e del doppiaggio infarcito di termini ormai desueti. Ammetto di essere  piuttosto benevolo con le mie recensioni quando tratto questo tipo di cinema. Tuttavia questo film lo devo proprio stroncare, poichè per tutta la durata del film sono stato permeato da una sensazione di continuo dejavu come se stessi rivivendo una grossolana messinscena di un’ opera ispirata al romanzo “Dracula” di Bram Stoker con un innesto innovativo e cioè la guerra fratricida (neanche così tanto geniale come idea). Non me la sento di incolpare più di tanto il regista, il leggendario Sam Newfield, colui che morì ancora incoronato come “regista più produttivo d’ America” con alle sue spalle più di 300 pellicole. Newfield iniziò nei primi anni ’20 con i suoi cortometraggi muti e pensate l’ ultimo film lo diresse nel 1964, se c’era un film che doveva essere girato in velocità era lui l’ uomo da chiamare e infatti questo Il Vampiro è proprio un film girato in velocità, con un finale ridicolo, tirato via e poco sensato. L’ attore George Zucco interpreta entrambi i due gemelli ma se la cava decisamente meglio con quello “buono” poichè il vampiro risulta una pantomima grottesca e patetica, nella sua immobilità e solennità falsa (in pratica non è in grado di fare nulla oltre che apparire e scomparire). La scusante dell’ età della pellicola non regge poichè film di gran lunga più carismatici sono stati girati addirittura nell’ era del muto, senza fare elenchi. Evitate questo pasticcio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *