IL COLPO DEL DRAGO

Trama: Il malvagio maestro Chung Chien-Kuen (Shi Kwan Yen) si pente delle proprie malefatte a causa del suicidio della moglie e cambia il nome del suo clan in “Clan della Pazienza”. Intanto un clan rivale comincia a miacciare la pace ritrovata. Dentro questa faida si inseriscono Simo (Sha-Fei Ouyang) e Su Ming (Nora Miao) e un giovane esperto di kung fu, Tang How-Yuen (Jackie Chan).

CLICCA SUL VIDEO PER GUARDARE IL FILM COMPLETO

Titolo originale: Long Quan
Lingua: SUB
Anno: 1979
Paese: Hong Kong
Regia: Lo Wei

VOTO: 7 / 10
VOTO TRASH: 6 / 10

Recensione:
Per capire questo film è necessario spendere due righe sulle origini di esso. Il regista Lo Wei , famoso per aver diretto Bruce Lee, stava cercando un nuovo volto che sostituisse l’ indimenticabile attore. Ci provò con scarso successo Jackie Chan, che come possiamo notare in questo film, si sforza di interpretare un personaggio “alla Bruce Lee“, determinato e serio, fuori dalle sue corde sia caratteriali che espressive. Jackie scelse poi la strada giusta ispirandosi al cinema muto occidentale e lanciando un suo filone caratteristico che coniuga coreografie spettacolari, azioni ad alto rischio e comicità pane e burro. Purtroppo con quella faccia da bimbone il ruolo non gli calza proprio. Per quanto riguarda il resto è tutto nella norma, anzi, al di sopra della norma di moltissimi film di kung fu che mancano di dinamicità nella regia. E’ appunto la regia un capitolo a parte dato che il regista Lo Wei aveva fama di essere un po’ un cazzone che passava più tempo a giocare d’ azzardo e a sonnecchiare che a dirigere film. Per questo motivo alcuni sostengono che questo film sia girato in gran parte dallo stesso Jackie Chan (che cura le coreografie dei combattimenti), che diventò poi regista di sè stesso in innumerevoli pellicole. I combattimenti in questo film sono perfetti e molto spettacolari, non per niente Jackie Chan è sicuramente il miglior coreografo di arti marziali sulla faccia della terra, in termini di spettacolarità, tecnica e senso del ritmo. In generale questo è un film che consiglio a chi vuole conoscere a fondo la carriera di Jackie, e chi come me adora il suo primo periodo (quello prima che diventasse il poliziotto buono), se invece a voi piace Lo Smoking, allora evitate pure, non lo capireste.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *