IL RISTORANTE ALL’ ANGOLO

Trama: In punto di morte, il folle zio adoratore della dea Shitaar, affida ai fratellini Michael e George, il libro di un antico culto sumerico. Passano gli anni e i fratelli, riescono a recuperare il cervello dello zio e rianimare i suoi resti, utilizzando la magia nera. I tre aprono una tavola calda col fine di attirare giovani vergini al fine di evocare la dea Shitaar.

CLICCA IL VIDEO PER GUARDARE IL FILM COMPLETO

Titolo originale: Blood Diner
Lingua:
Anno: 1987
Paese: U.S.A.
Regia:  Jackie Kong

VOTO: 6 / 10
VOTO TRASH: 10 / 10

Recensione:
Amanti dello splatter demenziale fatevi avanti, e condividete il vostro destino con quello di Michael e George Tutman, due giovani mattacchioni che non riescono a divertirsi senza uccidere qualcuno gratutitamente. Il Ristorante all’ Angolo è ormai entrato a piè pari nella mitologia del cinema trash, considerato da molti un piccolo culto, questo film garantisce momenti infiniti di violenza senza un perchè, e gag demenziali squallidamente infantili, nel loro aberrante cattivo gusto. Non tutti sanno che questa pellicola è stata diretta in tre settimane da una giovane donna che all’ epoca aveva trent’ anni e che di nome rispondeva a Jackie Kong. La singorina Kong assieme ad un gruppo di ragazzi ha potuto dar vita ad un banchetto di sangue degli orrori, senza lasciare troppo spazio alla sceneggiatura che, seppur disorganizzata ed insulsa, è ricca di piccoli particolari accattivanti evidentemente frutto di menti fresche e da fan, a loro volta, del genere splatter. L’ omicidio non viene contemplato come gesto maligno, ma strumento più che giustificato per accondiscendere agli ordini delllo zietto, e quindi giù di budella, braccia staccate, mani tagliate, teste mozzate, manichini sgonfiati… Una vera carneficina! Meno male che c’è un detective imbrillantinato ed una poliziotta di colore con un limone dove non batte il sole che indagano sulla morte di tutta quella gente, altrimenti altrimenti se motivano tutti, chi mangiava i cadaveri poi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *