PLAN 9 FROM OUTER SPACE

Trama: Il popolo di un pianeta della nostra galassia ha deciso di mettersi in contatto con i terrestri facendo discendere sulla terra dei dischi volanti in avanscoperta. La reazione degli esseri umani è tuttavia assai bellicosa e quindi gli extraterrestri decidono di applicare il piano 9, ovvero la resurrezione dei morti. Casualmente i primi morti a risorgere sono un vecchio vedovo (Bela Lugosi) e la sua defunta moglie (Maila Nurmi), successivamente si unirà il detective Clay (Tor Johnson). Tre persone inviate dal governo (un poliziotto, un militare e un pilota di aerei) cercheranno di risolvere la situazione entrando addirittura dentro ad una delle astronavi.

CLICCA SUL VIDEO PER GUARDARE IL FILM COMPLETO

Titolo originale: Plan 9 From Outer Space
Lingua: SUB
Anno: 1959
Paese: U.S.A.
Regia: Edward D. Wood Jr.

VOTO: 7 / 10
VOTO TRASH: 10 / 10

Recensione:
Plan 9 From Outer Space è universalmente riconosciuto come il titolo più celebre che Edward D. Wood Jr.. abbia mai diretto, a mio avviso non si tratta del più bello (il dittico La Sposa del Mostro e La Notte degli Spettri secondo me sono superiori), ma sicuramente del più controverso dei suoi film. Tutti gli interni e addirittura buona parte degli esterni è ricostruita in stanzoni dove drappi o pannelli ricostruiscono le varie scenografie. Come in La Notte degli Spettri il montaggio bislacco fa si che spesso ci siano sbalzi cronologici ingiustificati per cui un momento è giorno e il momento dopo è notte. Gli attori sono tutti dei cani esattamente come ci aspettiamo in un film di Ed Wood.

Ma dove sta la vera bizzarria di questo film? Bela Lugosi. Il regista scapestrato Wood era diventato amico dell’ ormai tramontato mito dell’ horror che, ormai devastato dall’ uso della morfina, era arrivato al termine delle sue forze. Forse Wood percepiva che l’ infausta ora stava per giungere per il vecchio attore di origini ungheresi e forse fu questo il motivo per cui volle girare delle riprese di Lugosi mentre recitava cose indefinite, che si potessero applicare a qualsiasi storia. Quindi Lugosi trapassò, facendosi seppellire vestito da Dracula. Ebbene il regista (?) di Hollywood inserì in Plan 9 queste scene contestualizzandole (con risultati risibili) e assunse una comparsa vagamente somigliante a Lugosi che recitasse delle parti necessarie al completamento del film. Questa controfigura era il chiropratico della ragazza di Wood, che per tutta la durata delle riprese si copre con il mantello dal naso fino ai piedi.

L’ origine del film è spiegata chiaramente nel film di Tim BurtonEd Wood, dove si scopre che non riuscendo a sbarcare il lunario, il regista coinvolse il suo padrone di casa in una specie di truffa. Ottenne il denaro per girare “Grave Robbers From Outer Space” (il titolo di lavorazione di Plan 9) e fece battezzare tutta la troupe presso la chiesa episcopale perchè i produttori della pellicola furono proprio una congrega di sacerdoti di tale confessione. I sacerdoti insistettero per inserire un coglionazzo per protagonista e Wood dovette acconsentire. Dovette anche acconsentire al cambio di titolo pechè “Grave Robbers” (cioè “profanatori di tombe”) risultava troppo blasfemo. L’ unica cosa che gli riuscì egregiamente fu coinvolgere la diva della TV Vampira, che era stata appena licenziata dalla sua compagnia, lei acconsentì con la sola condizione di non dover pronunciare neanche una sillaba, piuttosto che i dialoghi assurdi e poco dignitosi che le erano stati assegnati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *