INSEMINOID – UN TEMPO NEL FUTURO

Trama: In un pianeta lontano una squadra di tecnici presidia un sito minerario. Durante una sessione esplorativa un membro dell’ equipaggio viene ferito gravemente in circostanze misteriose, riportato di corsa a bordo della navicella non riuscirà a sopravvivere. Anche Sandy (Judy Geeson) è vittima di un incidente, ma questa volta si scopre che l’ incidente è un piano intenzionale per ingravidare la donna con seme alieno.

CLICCA SUL VIDEO PER GUARDARE IL FILM COMPLETO

Titolo originale: Inseminoid
Lingua:
Anno: 
1981
Paese: 
U.K.
Regia: 
Norman J. Warren

VOTO:
5 / 10
VOTO TRASH:
9 / 10

Recensione:
Inseminoid è un titolo che spesso passa di bocca in bocca tra gli amanti del trash e del fanta-horror, ed è per una precisa ragione che questo film si è meritato la propria fama, essere una spudorata scopiazzatura dell’ Alien di Ridley Scott approntata in tutta fretta e con pochissimo budget. Se vogliamo dare a Cesare quel che è di Cesare tra Alien del 1979 e Inseminoid del 1981 si infila prepotentemente Alien 2 Sulla Terra del 1980 opera dell’ italianissimo Ciro Ippolito a cui gli autori della pellicola in esame non possono non avere almeno dato un’ occhiata perchè anch’ esso è uno spudorato rip-off di Alien e anch’ esso è ambientato tra grotte e spazi limitati e angusti. In questo film tutto è limitato dal budget quasi inesistente solo che è uscito l’ anno prima nelle sale. Persino la sceneggiatura è incredibilmente limitata escludendo ogni forma di caratterizzazione dei personaggi che sono ridotti quasi a persone che si trovano li per caso, se non che lo spettatore debba autonomamente escludere questo a priori dato che si suppone che loro siano gli unici esseri umani sul pianeta. Per evitare di sbagliare non copiando a sufficienza il film di Ridley Scott si è pensato bene tra le altre cose di approntare un personaggio fotocopia di Ripley assumento un’ attrice vagamente somigliante (più che altro per la pettinatura) a Sigourney Weaver infilandola in una tuta da meccanico. L’ attrice e il resto del cast è formato interamente da persone che non combineranno poi niente di meglio nella loro vita e quelli più fortunati passeranno la loro carriera artistica tra un telefilm e un’ altro e al massimo brevissimi ruoli a livello di comparsata in qualche film più importante. Il premio per la migliore interpretazione nel film (nel senso che le altre non si possono neanche chiamari “interpretazioni” dato che i personaggi sono assolutamente eunuchi) va a mani basse a Judy Geeson che passa la maggior parte della sua parte a disperarsi come una matta (esagerando anche e donando punte acutissime di ilarità), immagino che le sia costato molta fatica ma almeno è l’ unica attrice che trasmette un qualche cosa allo spettatore. Il comparto scenografia è ridotto al film amatoriale e il fotografo deve aver perso tutti i capelli nel cercare di tirare fuori quello che si poteva in una miniera e in una specie di studio dentistico approntato a laboratorio spaziale. Altra enorme sofferenza la vive il comparto effetti speciali (ad opera dello specialista inglese John Metcalfe creatore degli FX di Xtro: Attacco Alla Terra e Rawhead Rex) poichè tutto il budget (dell’ intero film immagino) è investito nel creare due creaturine dalla testa di glande (si. vi ho rovinato la sorpresa, ma c’è anche in locandina però!) che rimarranno per sempre nelle memorie della storia del cinema per la loro incommensurabile bruttezza e ridicolaggine se si pensa che quei due cosini dovrebbero rappresentare una minaccia. Potrebbero anche crescere e diventare terribili? Non lo sappiamo, non c’ erano abbastanza soldi per costruire la versione adulta!! In virtù di tutto quello che ho scritto fin’ ora, alla fine questo film è più uno slasher ambientato in dei cunicoli che si suppone siano collocati in qualche pianeta. Devo dire come nota di vero disappunto che seppur ci sia questa variante dell’ inseminamento (ove si è chiaramente attinto a piene mani da Rosmary’s Baby) la componente sessuale è stata totalmente eliminata, caratteristica peculiare di tutto il cinema angolsassione dove il sesso è bandito a meno che non si tratti di una pellicola esplicitamente erotica (con le dovute eccezioni chiaramente). Guardatelo con gli amici e le solite birrette di contorno.


Altri film che ti potrebbero interessare:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *