COMPLEANNO IN CASA FARROW

Trama: In una cittadina della California, durante un’eclissi vengono alla luce contemporaneamente tre bambini: due maschietti e una femminuccia. L’effetto dei fenomeni astronomici sarà probabilmente la causa della loro malvagità e dieci anni dopo Debbie, Curtis e Steven inizieranno a mietere vittime nelle loro famiglie e tra i loro compagni di scuola. Solo un loro coetaneo e sua sorella sospetteranno e cercheranno di fermare la scia di morte.

CLICCA SUL VIDEO PER GUARARE IL FILM COMPLETO

Titolo originale: Bloody Birthday
Lingua:
Anno: 1981
Paese: U.S.A.
Regia: Ed Hunt

VOTO: 4 / 10
VOTO TRASH:  6 / 10

Recensione:
Una stanza bianca intonaco scuro, poca luce. Delle tristi sedie scomposte e vuote, ed altre occupate da ex hippy riciclati in scribacchini, si apprestano a creare l’ idea per un film: “Vogliamo vendere un horror ai teenagers? Che genere di film facciamo?” Si sente rispondere: “Facciamo qualcosa alla Il Villaggio Dei Dannati però un po’ alla Venerdì 13 dato che dicono abbia venduto bene.” Entra il produttore in sovrappeso con un mezzo sigaro in bocca, lo toglie da quel nauseabondo pertugio e con la stessa mano sboccia con un sonoro: “Andata!”. Ed ecco qua più o meno come mi immagino sia andata la genesi di: Bloody Birthday, slasher di inizio ’80 che vede tre bambini compiere delle marachelle mortali verso coloro che hanno la sfortuna di gravitare attorno alla loro esistenza. Questi bambini sono molto perversi ed estremamente intelligenti (come lo sono i bambini di 10 anni in generale del resto, molto più intelligenti di quello che un adulto possa pensare) e ne escogitano di tutti i colori per passarla liscia, la carta più vincente è sicuramente quella di spacciarsi come vittima piagnucolosa, depistando completamente la pista carnefice. Carino ma dopo l’ ennesima volta il trucco un po’ stanca. Salvo alcune trovate niente male come la scena dell’ inseguimento automobilistico dentro alla discarica realizzato devo dire molto bene, il film scorre senza arte nè parte con una sequenza di omicidi abbastanza prevedibili e nella norma. Non penso certo che gli autori del film volessero rivoluzionare il mondo del cinema, penso invece che volessero fare un prodotto mediocre da vendere in super velocità ai distributori e guadagnarsi così la proverbiale pagnotta senza troppe pretese. L’ aspetto più pregevole di questo film è da ricercare appunto in questa scarsità di interesse proveniente dagli stessi creatori, questione che in un’ analisi più attenta può giustificare la scarsità della sceneggiatura in virtù però del cinismo manifestato dai pargoletti (pure il titolo originale non spicca per fantasia eh). Si perchè la spiegazione dell’ eclissi è presto dimenticata dallo spettatore (complice appunto la scarsa sceneggiatura) e la cattiveria dei bambini diventa quasi insensata e ingiustificabile, è proprio questo che rende il loro comportamento particolarmente gustoso. Ma gli aspetti curiosi di questa pellicola sono in realtà da ricercare nei riflessi che ha avuto sulle lande italiane. Già partendo dal titolo infatti possiamo notare il pasticcio dei soliti titolisti italiani, i quali hanno voluto chiaramente ingannare per l’ ennesima volta il pubblico italiano facendo credere che questo fosse un seguito di Rosmary’s Baby inserendo nel titolo il nome della protagonista del film di Roman Polanski, appunto Mia Farrow, ma è chiaro che questo film con il film di Polanski non c’entra proprio un bel niente. Non posso poi evitare di fare un collegamento mentale con Demoni 2 per via del compleanno, anche perchè non è che ce ne siano a decine di horror con compleanni, ma sicuramente sarà una coincidenza! Segnalo piacevoli scene di nudo per bavosi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *