SCACCO MORTALE

Trama: Peter Sanderson (Christopher Lambert) è un giocatore professionista di scacchi cinico e solitario, accompagnato unicamente dal suo mentore cieco e da sua figlia Erica. Durante una fase importante di un torneo mondiale di scacchi, Sanderson viene coinvolto in una catena di omicidi misteriosi.

CLICCA SUL VIDEO PER GUARDARE IL FILM COMPLETO

Titolo originale: Knight Moves
Lingua:
Anno: 1992
Paese: U.S.A.
Regia: Carl Schenkel

VOTO: 3 / 10
VOTO TRASH: 8 / 10

Recensione:
Parlare di questo film è molto semplice. Nel 1991 esce Il Silenzio Degli Innocenti. Nel 1992 esce Scacco Mortale. Punto. Ribattezzato dal sottoscritto anche SCARACCIO MORTALE. Punto. Qualche cervellone con il cravattino e i capelli laccati durante una riunione salta su e dice “Ma come facciamo a non farne una copia tale e quale al Silenzio Degli Innocenti?” (si perchè quando parla include le maiuscole) e l’ altro risponde “Mettiamo gli scacchi in mezzo, sai, gli scacchi, le tattiche di gioco… intrigante no?” (alzando e abbassando nervosamente le sopracciglia). Ed è così che si svolse la genesi di NOIA MORTALE (titolo ri-ribattezzato dal sottoscritto) una delle pellicole più banali, pretenziose, boriose, stancanti e squallide che possano essere state mai stampate. In una cervelloticità forzosa ci dobbiamo sucare una love story messa giù completamente a braccio, e degli indizi che poi quando verranno comprovati saranno puro delirio come la frase “tu ti puoi inserire in ogni computer!“, Si come no, nel ’92 poi!! Oltre a provare sulla propria pelle quell’ umidiccia sensazione da film della sera di Rete 4, la cosa più disarmante di tutte è proprio il finale (no spoiler tranquilli). Tutto il film siamo li che giriamo in tondo sapendo benissimo come andrà a finire ma non “il modo” in cui andrà a finire questo thriller super psicologico e iper macchinoso, e poi come finisce? In una scazzottata! Si avete capito bene! Una scazzottata! Manco li cani! Il personaggio di Christopher Lambert è forse l’ unica cosa ben modellata a livello di scrittura, peccato che l’ attore sia molto più monoespressivo del solito, e avoglia a dire che deve fare il personaggio ermetico, è inutile, si sa che Christopher Lambert ha due espressioni: faccia seria e faccia seria con sorrisetto beffardo. punto. E pensare che questo film esce nel suo perido di massima celebrità, preceduto da successi come Highlander – L’ Ultimo ImmortaleGreystoke – La leggenda di Tarzan, il signore delle scimmie e nello stesso periodo di  Highlander II – Il ritorno, 2013 – La fortezza e Il siciliano, oltre che al lancio della serie TV di Highlander. Il declino era già alle porte insomma. E che porte siano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *