MIAMI GOLEM

Trama: Un reporter tv di Miami viene inviato in un’università per documentare il lavoro di un professore intento a clonare il dna di una cellula rinvenuta in un meteorite. Dopo che il giornalista va via, un uomo armato entra nel laboratorio del professore e, uccidendo tutti, ruba la cellula per un ricco uomo d’affari. Quando scopre di essere anche lui nel mirino del killer, il giornalista chiede l’aiuto di due scienziati per scoprire chi si nasconde dietro i crimini e per quale motivo è stata rubata la cellula.

CLICCA IL VIDEO PER GUARDARE IL FILM COMPLETO

Titolo originale: Miami Golem
Lingua:
Anno: 1985
Paese: Italia
Regia: Alberto De Martino

conosciuto anche come Miami Horror e Alien Killer

VOTO: 5 / 10
VOTO TRASH: 10 / 10

Recensione:
Madonna che puttanata di film che ho visto! Bellissimo! Un fanta-horror girato come un action movie che non può mancare nella lista dei “visto” dei trashofili più sfegatati! Voglio dire, il cast è quasi salvabile, soprattutto per quella faccia da schiaffi di David Warbeck e John Ireland fa bene la sua assurda parte, ma non contate su di me da Laura Trotter in giù perchè nessun attore di questo film penso che abbia preso la pellicola seriamente. D’ altronde chi prenderebbe sul serio un film pieno di spiegazioni raffazzonate a caso su temi come l’ origine della vita dell’ uomo sulla terra e cose dette e non dette come rapporto tra nazismo e ufologia trattati un tanto al chilo? E i dialoghi?! I dialoghi di questo film??? Tuttavia oggi mi sento particolarmente buono e voglio spezzare una lancia a favore di questo film: viene trovato un proto alieno in un meteorite e un affarista vuole dominare il mondo trasformando questo minuscolo batterio in un mostro dai poteri enormi. Normale no? Ma che cosa volete voi? lasciategli fare sto film e basta. Perchè non possono fare un film così bislacco? Ah ma lo vogliono vendere per questo lo fanno… Questo è il bello di film del genere, un mischione di film famosi come Incontri Ravvicinati del Terzo Tipo, e tutta quell’ immaginario hollywoodiano del poliziotto sprint (curiosamente in questa storia di alieni non compare nè polizia, nè C.I.A. e nè F.B.I., è tutto affidato ad un reporter con telecamera a spalla!) con l’ aggiunta di una colonna sonora che imita palesemente il motivetto di Beverly Hills Cop, tutto per cercare di sfruttare il successo di vari film dentro ad uno solo! Bravi. Avrei voluto vedere la creatura in un tripudio di distruzione ma mastro Stivaletti si limita solamente a creare un neonato bitorzoloso messo in un acquario. Tutto molto artigianale e a noi piace così. Alberto de Martino lascia con questo e con 7 Hyden Park – La Casa Maledetta (usciti lo stesso anno) il suo testamento spirituale, probabilmente non si è mai più ripreso dopo il disastro economico de L’ Uomo Puma di 5 anni prima.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *