IL GIORNO DELLA LUNA NERA

Trama: Quint (Tommy Lee Jones) è un risolvi-guai assoldato dall’ agente Johnson (Bubba Smith) dell’ F.B.I. per rubare una nastro dati da una compagnia sotto inchiesta giudiziaria. Quint riesce nella sua impresa ma quando si mette davvero male non gli rimane che nascondere il nastro in un’ automobile con l’ intento di recuperarlo in seguito. L’ automobile è la “Luna Nera” un veicolo sperimentale costruito apposta per superare qualsiasi livello di velocità raggiunto in precedenza.

CLICCA SUL VIDEO PER GUARDARE IL FILM COMPLETO

Titolo originale: Black Moon Rising
Lingua:
Anno: 1986
Paese: U.S.A.
Regia: (Harley Cokeliss accreditato come Harley Cokliss)

VOTO: 7 / 10
VOTO TRASH: 4 / 10

Recensine:
Nel 1986 la società New World Pictures non era più di Roger Corman da un po’ di tempo ormai (la vendette infatti nel 1983) tuttavia mi piace pensare che questo film sia per certi versi un po’ cormaniano, in quanto la formula Corman c’è tutta: si parte da un soldio soggetto poi si divaga tra scontri automobilistici, sparatorie e un pizzico di sesso, risalendo poi la china con idee già sperimentate ma sempre d’effetto e spettacolari. Questa è la scuola Corman (in ambito dei film d’azione), così è questo film. E questo crea una specie di anomalia temporale immaginaria poichè sebbene questo film sia datato come già detto 1986, l’aria che si respira guardandolo è quella dell’ action anni ’70 con un pizzico di spy story e senza troppi muscoli nè mitra d’assalto. Un action che ancora si salva dal cinema monolitico e muscolare che proprio in quegli anni stava impennando col risultato di mettere in ombra i varI Tommy Lee JonesMel Gibson (che comunque ci davano dentro) e di vedere il dominio di culturisti o pseudo tali come Schwarzeneger, Stallone, Willis e compagnia bella… Parlavo di solido soggetto, ebbene il soggetto e la sceneggiatura di questo film sono stati affidati nientemeno che a John Carpenter,ed e questa è la principale virtù del film, che oltre ad essere un action è un film intelligente, poichè è apparentemente ritagliato attorno al concetto di “one man army”, ovvero uomo “faccio tutto io”, ma ne inganna l’essenza poichè è vero che il personaggio di Tommy Lee Jones è tosto, ma forse non ce l’avrebbe fatta senza l’aiuto di due sfigatelli e una donna. La donna di cui parliamo è Linda Hamilton indimenticabile volto di Sarah Connor di Terminator, la quale incredibilmente è una donna con una storia dietro, che seppur abbozzata, la savaguarda dall’essere la bambola di turno, anzi in pieno post femminismo la ragazza prende l’occasione della sua vita al volo e manda a quel paese il suo schiavista. Buona l’interpretazione della Hamilton ma chiaramente il film si regge sull’ espressione butterata di Tommy Lee Jones che lasciatemelo dire ha una faccia da milioni di dollari. Spero di avervi invogliato a guardare questo film che trovate qui sotto disponibile in italiano. Proprio un bel film molto curato e dinamitico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *