THE HIDEOUS SUN DEMON

Trama: Il Dr. Gilbert McKenna (Robert Clarke) rimane esposto a radiazioni atomiche dopo un incidente di laboratorio. Le conseguenze dell’ accaduto si manifestano sul corpo di McKenna unicamente se esposto per più di pochi secondi alla luce diretta del sole, luce che causa in lui una trasformazione genetica rendendo la sua pelle squamosa, come se fosse un uomo-rettile.

TRAILER ORIGINALE

Titolo originale: The Hideous Sun Demon
Lingua:
Anno: 1959
Paese: U.S.A.
Regia: Robert Clarke

VOTO: 7 / 10
VOTO TRASH: 9 / 10

Recensione:
The Hideous Sun Demon
è decisamente uno di quei film che non può mancare nel bagaglio culturale di tutti i veri patiti di monster movies (o creature movies), avete mai sentito di una cosa più assurda di un licantropo al contrario? Ebbene mai idea più semplice e stupida ha dato un risultato più soddisfacente! Ma come nasce questa pellicola? Se vogliamo gettare le carte in tavola abbastanza brutalmente, cominciamo subito col dire che Robert Clarke è stato un attore dalla lunghissima carriera, recitando nella scuderia della gloriosa RKO.Una lunghissima carriera fatta purtroppo di piccole parti, a peggiorare le cose l’ avvento della televisione che lo ha poi relegato alle sole partecipazioni a telefilm. Dopo una considerevole gavetta ed aver recitato nei film di fantascienza The Man From Planet X e The Incredible Pietrified World, nel 1959 Clarke si convince che chiunque possa fare un film e intende provarlo a tutti a proprie spese. Con un budget di meno di 60’000$, lavorando nei weekend con amici e famigliari riesce a girare, montare e interpretare un film che seppur sgangherato, non è assolutamente inferiore a decine e decine di pellicole dello stesso genere, anzi. Con questa recensione intendo elogiare questo film sotto vari aspetti. L’ aspetto più divertente è senza alcun dubbio quello non voluto del so bad, so good, ovvero il trucco fantastico del mostro che sembra fatto con dei biscotti e del silicone, ma su tutti la scena della biondissima di turno che suona il pianoforte con un’ espressione così assurda che sembra una non vedente. Ebbene si, Patricia Manning non è proprio una gran attrice. Un’ altra cosa tipica da b-movie è l’ assurda spiegazione scientifica, molto tirata via, sulle cause della trasformazione del protagonista in uomo-lucertola. Infinito pregio di questo film è anche aver inserito del… attenzione attenzione… SESSO! In una scena infatti si lascia intendere che il protagonista ha fatto sesso con la biondona! Incredibile! Sesso in un film di fantascienza del 1959 dove i lui e lei alla fine si limitavano SEMPRE E SOLAMENTE ad un casto bacio a stampo! E poi il gangster con quel piglio italo-americano! Cosa ci fanno i gangster in un film di fantascienza? Ottimi spunti lasciati un po’ lì, ma che rendono la pellicola davvero godibile e mai noiosa. Finale tirato via, ma almeno senza pretese moraliste, nè dal lato più “conservatore” nè dal lato più “umanista”. Recitazione e colonna sonora squisitamente over the top per il genere (con qualche eccezione come visto prima!), regia televisiva ma in linea con il periodo, anche se certi spunti fotografici mi hanno fatto davvero emozionare, abituato di solito al piattume che offre il genere. Ribadisco che The Hideous Sun Demon è un film assolutamente da scoprire.

Curiosità:
1) Parte della colonna sonora fu usata poi per La Notte dei Morti Viventi.
2) Nel 1983 la pellicola è stata ri-montata e ri-doppiata e inserita in una commedia parodistica chiamata What’s Up, Hideous Sun Demon? Robert Clarke ha prestato la propria voce all’ operazione.
3) L’ uomo-lucertola chiamato Lizard (il villain dei fumetti di Spider-Man) è apparso per la prima volta nel 1963. Si tratta di uno scienziato che si trasforma in creatura-rettile, esattamente come nel film recensito in questo articolo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *