DRACULA 3D

Trama: Il signor Jonathan Harker (Unax Ugalde) viene assunto come bibliotecario personale dal conte Dracula (Thomas Kretschmann), per espletare il proprio compito lo studioso si reca al castello del nobile non prima di essere passato a salutare Lucy (Asia Argento) la cugina di sua moglie Mina (Marta Gastini), che lo raggiungerà di li a poco. Giunto al castello Harker inizia a percepire inquietanti presenze e durante la lettura di uno dei libri del conte, scopre dell’ esistenza di un Dracula che nelle leggende fu un condottiero difensore della cristianità dopo la caduta di Costantinopoli, si narra che questo guerriero sopravviva ai secoli nutrendosi di sangue umano. Il giovane uomo non ha tempo di rendersi conto della propria situazione che viene assalito da una diafana vampira di nome Tanja (Miriam Giovanelli), che però cederà il banchetto al suo padrone, il conte Dracula in persona. Il giorno dopo Mina arriva nella piccola cittadina e incontra la cugina Lucy che di li a poco soccomberà anch’ essa sotto i denti del vampiro. Tra intrighi di potere e creature sovrannaturali solamente l’ intervento di Van Helsing (Rutger Hauer) potrà salvare Mina dalle grinfie del conte Dracula.

CLICCA SUL VIDEO PER GUARDARE IL FILM COMPLETO

Titolo originale: Dracula
Anno: 2012
Paese: Italia
Regia: Dario Argento

Recensione:
Partiamo dal presupposto che questo film non sia stato girato da Dario Argento ma da un moderno regista che voleva fare un film dell’ orrore che piace ai giovani… ok? No! Non è ok! Questo film porta la firma di Dario Argento, il regista conosciuto per Profondo Rosso, Inferno, Suspiria, Tenebre, Phenomena... è chiaro che un regista del genere può contare su una schiera a dir poco enorme di fans sparsa per tutto il mondo, per cui mi chiedo: perchè deluderli in maniera così gretta e gratuita? Un becero tentativo di reboot del romanzo di Bram Stoker, la peggior versione in assoluto, in confronto tutta la filmografia vampiresca della Hammer batte questa porcata 100 a 0. Questo film ha la fotografia di un film porno, l’ effetto digitale è prominente sul respiro dell’ opera complessiva tanto da sembrare che l’ intero film sia stato girato in una stanza verde e poi vi ci siano aggiunti fondali fissi presi da Resident Evil (anche la colonna sonora ricorda a tratti il videogioco). Non paghi di ciò si sono scelte location suggestive quanto una gita agli Uffizi di Firenze, belli si ma non fanno paura! Tutto è assurdamente finto e persino le pareti fatte di roccia sembrano appena spolverate a menadito. Non esagero quando dico che da un momento all’ altro ci si aspetta che spunti fuori Alberto Angela che ci spiega gli usi e i costumi della Transilvania nell’ 800. E’ chiaro che quando ho visto già dai primissimi titoli di testa (che durano 400 minuti) il nome di Giovanni Paolucci ho sentito subito puzza di bruciato (ricordiamo il coraggioso produttore che sponsorizzò le ultime opere della buonanima di Bruno Mattei) e non mi sbagliavo, nonostante Argento si sia avvalso dei fedelissimi Simonetti per la musica e Stivaletti per gli effetti speciali (che non sono neanche male quando si parla di artigianato). E che dire di Antonio Tentori (grande esperto di cinema italiano) che presta la sua firma ad una sceneggiatura che Bram Stoker si sta ancora rivoltando nella tomba come una rotellina impazzita? Volevate fare una versione diversa del suo romanzo? E’ per questo che avete ambientato tutto in un minuscolo paesotto dell’ est anzichè far muovere Dracula e Renfield a Londra? Oppure perchè avete speso tutti i 7 milioni di euro in droga e puttane non si sa cosa? Ebbene si perchè questa immensa vaccata sia costata ben 7 milioni di euro a fronte di appena 500.000 incassati tra i cinema spagnoli e quelli italiani. Ma veramente come li avete usati quei soldi? Mi dispiace per la figura ingloriosa degli attori ma del resto se prendi gente da Uomini e Donne e gli fai fare i contadini della Transilvania è abbastanza logico che finisca così. Vi risparmio i commenti sull’ orrenda cgi (e le 1001 trasformazioni del sexy gentiluomo Dracula) poichè forse è la cosa più divertente del film e non voglio togliervi il gusto dell’ autopunizione intima… Io non sono nessuno per giudicare eccetto uno spettatore appassionato, quindi do un umile consiglio un po’ a tutti: Dario, ricomincia a drogarti che magari qualcosa di buono lo tiri fuori ancora… Asia o la smetti di farti di ketamina o la smetti di recitare… Miriam complimenti per le Roberte… Antonio riprovaci ancora… Unax fai quello che vuoi nella vita ma non l’ attore… Thomas  ti vedrei bene per una nuova serie de Il Commissario Rex… Giovanni ti stimo un casino, provaci ancora… Marta, ma anche no… Rutger please…. Bram Stoker ti domando scusa da parte loro… perdonali. E in conclusione, un consiglio spassionato a tutti: lasciate andare avanti i giovani!

0 Replies to “DRACULA 3D”

    1. OTAKU GRINDER Post author

      Grazie del tuo commento! Con questo film se non altro, facendo buon viso a cattiva sorte, si può organizzare una visione collettiva con pizzata e risate

      Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *