THE OILY MANIAC

l_75001_a8f8d472

Trama: Fu sin Chen (Tien Lung Chen), erede da poco della piantagione di cocco del padre, si trova invischiato in una truffa perpetrata dalla famiglia Yang. Nonostante la mediazione dell’ avvocato Hu, una colluttazione si trasforma in omicidio, e così un onesto lavoratore, Lin Yang Ba (Feng Ku), si ritrova a scontare la pena capitale. Tuttavia Yang tornerà sotto forma di mostro oleoso.

CLICCA SUL VIDEO PER GUARDARE IL FILM COMPLETO

Titolo originale: You gui zi
Lingua:  SUB
Anno: 1976
Paese: Hong Kong
Regia: Meng Hua Ho

VOTO: 6 / 10
VOTO TRASH: 10 / 10

Recensione:
I mitici Shaw Brothers, famosi produttori cinematografici originari di Hong Kong specializzati in pellicole di arti marziali, si cimentano ancora con la variante horror, provando questa volta a buttarla sullo schifido da una parte e sul sesso dall’ altra. Ebbene si. Proprio horror horror questa pellicola non è, possiamo infatti pensare al maniaco oleoso come una specie di Toxic Avenger ante litteram data anche la sua bruttezza e le sue origini da sfigato. Sesso dicevo, di sesso in senso lato (e anche praticato) ce n’è in abbondanza, in pratica tutte le attrici fanno vedere le tette prima o poi, per non parlare di culi, adescamenti e stupri. Sebbene sembri un film del cazzo con un coso che si agita a braccia aperte e ogni volta che si muove oltre a sporcare tutto nel raggio di 6 metri emette svariati urli ancestrali, questa pellicola si regge su una sceneggiatura ben strutturata anche se abbastanza scontata, ricorda perfino archetipi giallistici che secondo me sono anche troppa grazia per un film del genere la cui parola d’ ordine è comunque trash trash trash. Il sapore anni ’70 della regia è splendidamente accoppiato con la colonna sonora a tratti jazz, e gli attori regalano interpretazioni davvero grottesche ma che sono in linea col lima generale. L’ unica pecca è questa: vediamo un mare di morti ammazzati, vediamo un copioso numero di tette (veramente insolito per un film degli SB!), a sto punto vogliamo il gore!! Ma niente, ci dobbiamo accontentare di deliziosissimi effettacci pacchiani atti a rendere onnipotente la creatura informe.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *