BLASTFIGHTER

Trama: Un uomo ritorna da una situazione drammatica, si vuole fare i cazzi suoi nei boschi, ma gli abitanti della zona gli rompono le palle a morte e non lo lasciano vivere. Così dai e dai e alla fine s’ incazza.

CLICCA SUL VIDEO PER GUARDARE IL FILM COMPLETO

Titolo originale: Blastfighter
Lingua:
Anno: 1984
Paese: Italia
Regia: Lamberto Bava (accreditato come John OId Jr)

VOTO: 7 / 10
VOTO TRASH: 8 / 10

Recensione:
Blastfighter, ovvero Rambo all’ amatriciana. Ed ecco qua il nostro caro Lamberto Bava (che firma il film con lo pseudonimo dall’ appeal americano John Old Jr) che, come si usava una volta, tenta di rifilare al pubblico, una pellicola italiana impacchettata e addobbata alla maniera americana, con tanto di colonna sonora country (il tema principale è molto bello tra l’altro). Eppure, nonostante questa pellicola si possa tranquillamente annoverare tra i grandi classici del trash italiano anni ’80, voglio spezzare una lanca in favore di Bava, che fabbrica una pellicola di imitazione, ma molto più briosa e soprattutto, senza la solita lagnante storia d’ amore che nei film americani, non può mancare mai. Anche se dura 4 minuti. Ci dev’ essere sempre. In più nel cast vedere George Eastman, è sempre un bel vedere, è come sentirsi rassicurati, paradossalmente, da quella figura da omone cavernicolo. Ogni volta che vedrai un film con Eastman, quello sarà un film che varrà la pena di essere visto. Parlando di attori non si può non nomnare Michale Sopkiw, che qui sembra il sosia di Maurizio Merli. Michale Sopkiw che tentò la carriera da attore ma rimediò una manciata di film e non di più (tra cui il fantastico 2019: Dopo La Caduta Di New York). Pochi applausi invece per Valentina Forte a cui non riesce proprio di recitare bene in questo film, nonostante il semplice ruolo di donna oggetto. Per finire col cast segnalo la presenza di Michele Soavi in una particina, come di sua abitudine. Insomma per farla breve, bel filmettino trash di imitazione con una regia divertente ed un finale veramente assurdo e pieno di fuochi pirotecnici, pacchiano a dir poco.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *