NEL TEMPIO DEGLI UOMINI TALPA

1357NEL_TEMPIO_DEGLI_UOMINI_TALPA

Trama: Alcuni scienziati ridotti in schiavitù da esseri semi-umani, abitanti nel sottosuolo, sfuggono fortunosamente alla morte.

CLICCA SUL VIDEO PER GUARDARE IL FILM COMPLETO

Titolo originale: The Mole People
Lingua: 
Anno: 1956
Paese: U.S.A.
Regia: Virgil W. Vogel (accreditato come Virgil Vogel)

Recensione:
Signori e signore ci troviamo davanti ad un classico del cinema di fantascienza americano anni ’50, una pietra miliare del cinema d’ oltreoceano, che ha poi ispirato positivamente vari artisti durante i decenni successivi. Il senso complessivo del film è di chiara matrice americana: nel sottosuolo della terra esiste un popolo schiavizzato (gli uomini talpa) da un’ elite che si crede superiore (i discendenti dei sumeri che anch’essi abitano il sottosuolo), arrivano gli americani e scombinano tutto in nome della libertà per mezzo, tra l’altro, di una invenzione tecnologica (una torcia elettrica) creata dalla propria civiltà. Vi ricorda qualcosa? Non che la libertà sia una brutta cosa, ma che servano 3 archeologi americani per “importarla” dopo 5000 anni di schiavitù… Va bè… a parte questa punta polemica che mi dovevo togliere dalla scarpa, il film è un gran bel film. Voglio dire, abbastanza low budget come usava una volta (costumi orrendi e fondali dipinti ancora più orribilmente) ma di particolare effetto nostalgico. Se per La Mantide Omicida l’ approccio era quasi totalmente scientifico/militaresco, con questo film si entra nel campo della pura avventura. Spedizioni su altissime montagne innevate, esplorazioni in tunnel oscuri, scoperta di civiltà antiche, arrivando anche a scomodare nientemeno che il mitico Gilgamesh, che per creanza viene solamente nominato. Però interessante davvero come hanno elaborato da antichi scritti e mitologiche teorie, tutto l’impianto soggettistico, per giustificare questa assurda vicenda, che come è precisato nell’ introduzione di un distinto signore munito di mappamondo, è una vicenda ai limiti della fantasia. Una variante dai film più integralisti del genere, è il ruolo molto marginale della bionda di turno. Chiaramente è una bionda con pettinatura anni ’50 e di carnagione bianca, che discenda dai sumeri è un’ attimino strano è vero, ma non più della popolazione antica che parla in inglese con gli americani e il gran sacerdote che sembra Christopher Lee dei poveri… Tutti errori puerili che sarebbe stupido considerare in una valutazione complessiva del film, che resta un ottimo capitolo della vastissima cinematografia sci-fi. Consigliato a tutti, soprattutto a chi è agli inizi con questo genere. Gustoso il finale che ho apprezzato in maniera particolare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *